Category Archives: cosa fare

Roma: una gita fuori porta

cosa fare a tolfa

Fascino storico, natura incontaminata e un percorso eno-gastronomico da leccarsi i baffi: Tolfa, la città famosa per la borsa in cuoio, la Catana, che da secoli viene realizzata nei laboratori situati nel centro storico, da maestri artigiani, i quali ancora oggi realizzano queste splendide creazioni, secondo le antiche tecniche di produzione artigianale del cuoio, rigorosamente naturale. Consiglio vivamente di passare sulla strada principale del paese, Via Roma, dove sono situati tre laboratori artigianali, nei quali con un po’ di fortuna, si possono ammirare gli artigiani a lavoro.

Proseguendo lungo Via Roma, verso il centro storico, troviamo Via Frangipani, nella quale, passeggiando tra le caratteristiche costruzioni in perfetto stile medioevale, arrocchettate sulla ripida collina, salendo si è rapiti dall’ imponenza del Castello del Monte della Rocca, che posto sulla parte più alta della pendenza, domina incontrastato su tutta la città. Di fianco alla Rocca dei Frangipane è situata la Chiesa della Madonna della Rocca, un omaggio alla Vergine costruito in epoca medioevale, che per la sua posizione vigila da sempre su tutto il popolo Tolfetano.

Da visitare anche il Santuario della Madonna della Sughera, costruita da Agostino Chigi nella prima metà del 1500, la quale leggenda narra di una mistica apparizione della Madonna sopra un albero di sughero, attorno al quale per desiderio della Vergine è stato realizzato il Santuario. Il Santuario della Sughera, oggi è sede dell’ importante Museo Civico, inestimabile ricchezza che racconta dagli esordi, la storia di Tolfa.

Avvertite un leggero languorino? Bhè! non è difficile che succeda! tra le stradine del caratteristico borgo, giunti all’ora di mangiare, è solito sentire nell’ aria il profumo del pane appena sfornato, ancora oggi fatto in casa secondo le antiche tradizioni. Le specialità della zona sono senz’altro le LUMACHE, tipicamente proposte in salsa di pomodoro, ma anche la pasta fatta in casa condita con i succulenti tartufi e porcini, e la cacciagione che in questi verdi boschi non manca mai, finendo con le dolci ciambelline al vino…sorseggiando gli ottimi vini locali.

A questo punto, seguite il vostro naso! Non sbaglierete!

Dopo pranzo, suggerisco di perdervi nella prorompente natura dei Monti della Tolfa, magari a cavallo, con una suggestiva passeggiata al galoppo alla scoperta degli antichi siti archeologici e caratteristici borghi rurali.

Buon Divertimento